Aggiorna le tue impostazioni dei cookie per utilizzare questa funzione.
Clicca "Consenti tutti" o attiva solo i "Cookie per pubblicità mirata"
Continuando, dichiari di accettare l'Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie.
OK

WikiLeaks: fermate la repressione!

Ai governi statunitensi e altri e alle multinazionali coinvolti nella repressione contro WikiLeaks:

Vi chiediamo di fermare immediatamente la repressione ai danni di WikiLeaks e dei suoi alleati. Vi esortiamo a difendere il rispetto dei principi democratici fondamentali e della libertà di stampa e di espressione. Se WikiLeaks e i giornalisti con cui collabora hanno violato la legge dovrebbero essere perseguiti in tribunale con un giusto processo. Non dovrebbero essere vittime di una campagna d'intimidazione extra-giudiziaria.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail:
Aggiungi il tuo numero di telefono se vuoi ricevere nostre notizie via telefono o SMS.
Per favore, abilita i comandi Javascript per visualizzare questa pagina web nel migliore dei modi
Continuando, dichiari di acconsentire a ricevere le mail di Avaaz. La nostra Informativa sulla Privacy protegge i tuoi dati e ti spiega come possono essere usati. Puoi disiscriverti in qualsiasi momento.

Recenti firmatari

La pericolosa campagna d'intimidazione sferrata contro Wikileaks è un pericoloso attacco alla nostra libertà di stampa e di espressione. I principali politici statunitensi hanno accusato WikiLeaks di essere un’organizzazione terroristica e spronato le multinazionali a fermarlo. Alcuni commentatori hanno addirittura suggerito di uccidere i membri del suo staff.

Qualcunque cosa si pensi di WikiLeaks, gli esperti legali sostengono che non vi sia in ballo alcuna violazione di legge, e il gruppo lavora in collaborazione con eminenti testate (NYT, Guardian, Spiegel) per esaminare con attenzione i documenti pubblicati - a oggi meno dell’1% dei cablogrammi è stato divulgato.

Abbiamo bisogno con urgenza di una mobilitazione pubblica enorme in difesa delle libertà democratiche fondamentali. Firma la petizione per fermare queste azioni repressive: raggiungiamo un milione di voci questa settimana!

Spargi la voce

Clicca per copiare: